Fondo di Garanzia per le PMI

Al fine di sostenere le aziende e le famiglie italiane, la G.F. Narcisi, per tutto l'anno 2014, devolverà una percentuale del proprio fatturato al Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese. Inoltre, anche i responsabili del settore vendite online vi verseranno una parte del proprio stipendio. Questo è uno dei modi in cui la nostra azienda cerca di apportare il proprio contributo alla società, convinta che, anche se si raggiungono risultati eccellenti, non si possano ignorare coloro che ci circondano e che ogni compagine sociale detenga una responsabilità dal momento in cui viene creata nei confronti della comunità.

Pubblichiamo in questa pagina i nostri bonifici e le informazioni relative al Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese riprese dal sito del Ministero per lo Sviluppo Economico www.fondidigaranzia.it.

Il decreto relativo alla possibilità di sovvenzione del Fondo di Garanzia è pubblicato all'indirizzo http://www.mef.gov.it/ufficio-stampa/comunicati/2013/documenti/Decreto_ministeriale.pdf .


BONIFICI

GENNAIO 2014_1 / GENNAIO 2014_2 / FEBBRAIO 2014_1 / FEBBRAIO 2014_2 / MARZO 2014_1 / MARZO 2014_2 / APRILE 2014_1 / APRILE 2014_2 / MAGGIO 2014_1 / MAGGIO 2014_2 / GIUGNO 2014_1 / GIUGNO 2014_2 / LUGLIO 2014_1 / LUGLIO 2014_2 / AGOSTO 2014_1 / AGOSTO 2014_2 / SETTEMBRE 2014_1 / SETTEMBRE 2014_2 / SETTEMBRE 2014_3 / OTTOBRE 2014_1 / OTTOBRE 2014_2 / OTTOBRE 2014_3 / NOVEMBRE 2014_1 / NOVEMBRE 2014_2 / NOVEMBRE 2014_3 / DICEMBRE 2014_1 / DICEMBRE 2014_2


COS’È E COME FUNZIONA
IL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Quali sono i vantaggi della garanzia pubblica?
Con il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, l’Unione europea e lo Stato Italiano affiancano le imprese che hanno difficoltà ad accedere al credito bancario perché non dispongono di sufficienti garanzie. La garanzia pubblica, in pratica, sostituisce le costose garanzie normalmente richieste per ottenere un finanziamento.

Come funziona il Fondo di garanzia?
La garanzia del Fondo è una agevolazione del Ministero dello sviluppo economico, finanziata anche con le risorse europee dei Programmi operativi nazionale e interregionale 2007-2013, che può essere attivata solo a fronte di finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari finanziari a favore delle PMI. Il Fondo non interviene direttamente nel rapporto tra banca e impresa. Tassi di interesse, condizioni di rimborso ecc., sono lasciati alla contrattazione tra le parti. Ma sulla parte garantita dal Fondo non possono essere acquisite garanzie reali, assicurative o bancarie.

Quale imprese garantisce?
L’impresa deve essere valutata in grado di rimborsare il finanziamento garantito. Deve essere perciò considerata economicamente e finanziariamente sana sulla base di appositi modelli di valutazione che utilizzano i dati di bilancio (o delle dichiarazioni fiscali) degli ultimi due esercizi. Le start up sono invece valutate sulla base di piani previsionali.

Possono essere garantite le imprese che rispettano i parametri dimensionali PMI. Singolarmente o tra loro collegate e/o associate debbono avere meno di 250 occupati. Allo stesso tempo, il loro fatturato deve essere inferiore ai 50 milioni di euro o, in alternativa, il totale di bilancio deve essere inferiore a 43 milioni di euro.

Come presentare la domanda?
L’impresa non può inoltrare la domanda direttamente al Fondo. Deve rivolgersi a una banca per richiedere il finanziamento e, contestualmente, richiedere che sul finanziamento sia acquisita la garanzia diretta. Sarà la banca stessa ad occuparsi della domanda. In alternativa, l’impresa si può rivolgere a un Confidi che garantisce l’operazione in prima istanza e richiede la controgaranzia al Fondo. Tutte le banche sono abilitate a presentare le domande mentre occorre rivolgersi ad un confidi accreditato.

In quali settori interviene?
Possono essere garantite le PMI appartenenti a qualsiasi settore con l’eccezione dell’industria automobilistica, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dell’industria carboniera, della siderurgia e delle attività finanziarie. Nel trasporti sono ammissibili solo le imprese che effettuano trasporto merci su strada. Le imprese agricole possono utilizzare soltanto la controgaranzia rivolgendosi ad un confidi che opera nei settori agricolo, agroalimentare e della pesca.

Quali operazioni garantisce e in che misura?
L’intervento è concesso, fino ad un massimo dell’80% del finanziamento, su tutti i tipi di operazioni sia a breve sia a medio-lungo termine, tanto per liquidità che per investimenti. Il Fondo garantisce a ciascuna impresa un importo massimo di 2,5 milioni di euro, un plafond che può essere utilizzato attraverso una o più operazioni, fino a concorrenza del tetto stabilito, senza un limite al numero di operazioni effettuabili. Il limite si riferisce all’importo garantito, mentre per il finanziamento nel suo complesso non è previsto un tetto massimo.

Quali sono i tempi di risposta?
Le procedure sono snelle e veloci: in tempi rapidi vengono verificati i requisiti di accesso e adottata la delibera. L’impresa viene informata vie e-mail sia della presentazione della domanda sia dell’adozione della delibera.

Fonte : www.fondidigaranzia.it